Axel, il robot ispezionatore

Axel – Autonomous Exploration Electrified Vehicle – nome ispirato al protagonista del romanzo Viaggio al centro della Terra di Verne, è frutto della collaborazione tra il Gruppo Webuild e il centro di eccellenza CIM 4.0 (Competence Industry Manufacturing 4.0) ovvero uno degli otto Competence Center italiani, poli di riferimento nazionali sui temi della Industria 4.0.

Si tratta di un sistema a guida remota altamente innovativo, il primo al mondo in grado di sostituire l’uomo nell’esplorazione di tratte di cunicoli e gallerie.

Il suo campo di addestramento è il cantiere “Nicchie La Maddalena” di Chiomonte – dove opera dal 2020 il consorzio composto da CSC Costruzioni SA e Webuild – che è parte del tratto italiano del tunnel di base della Torino-Lione, l’ambizioso progetto di alta velocità ferroviaria che rientra nel sistema di reti TEN-T, promosso e finanziato dall’Unione europea, 65 chilometri di ferrovia tra Susa in Piemonte e Saint-Jean-de-Maurienne nella Savoia francese, di cui 57,5 chilometri in sotterraneo.

Axel è l’esempio di come la robotica applicata al mondo delle infrastrutture possa non solo aggiungere innovazione nell’analisi dei dati, ma anche sicurezza per le persone.

Il suo compito è quello raccogliere dati in condizioni estreme: la galleria geognostica nella quale si addentra ha una lunghezza complessiva di 7 chilometri, larga 6 metri con un fondo irregolare e copiosi riversamenti d’acqua, oltre a una temperatura di 40 gradi e un’umidità elevatissima.

Muovendosi a zero emis­sio­ni in ambien­ti com­ples­si, con pen­den­ze e osta­co­li Axel, comandato a distanza da un operatore, effettua la raccolta e l’analisi dinamica di dati ambientali grazie ad un sistema di telecamere e sensori con elevatissimi livelli di affidabilità.

L’esito delle analisi permette di pre­pa­ra­re al meglio gli inter­ven­ti di ripri­sti­no del­l’am­bien­te ogget­to del lavo­ro, qua­li ad esem­pio il lavag­gio e il ricam­bio d’a­ria, il con­so­li­da­men­to del­le pare­ti, l’in­stal­la­zio­ne degli impian­ti elet­tri­ci e di tra­spor­to del­l’a­ria.

Axel è una delle prime applicazioni di Mission-S, la strategia per la sicurezza che TELT mette in campo nei 12 macro cantieri che compongono l’opera e che considera l’innovazione uno degli assi fondamentali per raggiungere l’obiettivo incidentalità zero.

E’ in grado di superare dislivelli, attraversare rigagnoli d’acqua, resistere a condizioni di temperatura e umidità elevate.